La presa di potere dei Talebani a Kabul, dopo trattative con le forze occidentali occupanti, culminate in un abbandono frettoloso di basi militari e ambasciate, ha lasciato parti importanti della popolazione, che aveva iniziato a credere in un presente e in un futuro di libertà, sola, sotto il dominio di una forza politica paramilitare, ben nota per le idee oscurantiste nei confronti di donne, giovani, intellettuali, studiosi, artisti e minoranze etniche. Quello di assassini di massa, di torture e di riduzioni in schiavitù è ben più di un rischio, è la realtà a cui l’Afghanistan sprofonda di nuovo, nella propria quotidianità.

Noi di Cirano Post, insieme a larghe parti della società civile, intendiamo dar voce quotidianamente a una delle nostre sorelle, le vittime più evidenti di questa barbarie, e lo facciamo come sappiamo, ossia scrivendone.

Ci auguriamo che chi può ascoltarci, e può intervenire direttamente, lo faccia con l’organizzazione di corridoi umanitari, con la predisposizione di un’accoglienza diffusa, cui anche noi siamo pronti.


L’Afghanistan è un paese, la cui economia ha tra i settori trainanti la coltivazione di papaveri da oppio e la Read more
Come tristemente previsto, le notizie dall’Afghanistan stanno arrivando col contagocce. La principale è la soppressione dei diritti civili per tutti Read more
L’Unesco ha lanciato l’allarme, veicolato dall’emittente Tolo News, contro l’abolizione del Ministero per gli Affari Femminili, una corsia preferenziale per Read more
Ancora una volta, l’ingenuità di chi credeva in un ritorno dei talebani al comando in una forma più umana, non Read more
Tre giorni fa, presso lo stabilimento barese di Magna SpA (ex Getrag) si è tenuta una cerimonia, alla presenza della Read more
Lunedì scorso, con un tweet spiccio, Mohammad Ashraf Ghairat ha annunciato che alle donne non sarà concesso di studiare e Read more
Bahar Jalali, storica afgano-americana che era tornata nel suo Paese di origine nel 2009, per la prima cattedra di studi Read more
La decisione dei talebani di non garantire, di fatto bloccando, l’istruzione secondaria per bambine e ragazze, ha sollevato le proteste Read more
A Herat e Kabul, le donne hanno deciso di esasperare il silenzio della protesta. A Kabul l’hanno fatto nel centro Read more