Antonio Cucciniello alla ricerca dell’Approccio Sistemico Vitale nel romanzo “Pathemata Mathemata – Soffrire per rinascere”

A volte i libri ci chiamano, altre volte siamo noi a cercarli con determinazione, ma spesso li incontriamo e li scopriamo per caso.
Ho conosciuto Antonio Cucciniello con il suo libro “Le ali del bruco”, e ricordo che mi piacque parecchio. Poi ho casualmente scoperto questo suo recente romanzo, dal titolo intrigante “Pathemata Mathemata – Soffrire per rinascere”, un titolo mutuato da Esopo, che ci dice che le sofferenze sono insegnamenti, perché è attraverso il dolore che si può diventare più saggi.

Il libro è ispirato all’Approccio Sistemico Vitale, una teoria concettualizzata da Sergio Barile, Professore Ordinario della Sapienza di Roma. E’ un giovane a narrarci la sua storia, il suo percorso di vita e le sue difficoltà relazionali, dovute probabilmente a una madre fredda e incapace di esternazioni affettive e a un padre che ha già deciso quale sarà il suo futuro, ingabbiandolo così negli stessi progetti che ha costruito per lui e saccheggiandolo della sua stessa vita.
E’ un “analfabeta emotivo” che non riesce a costruire dei rapporti veri con le persone che lo circondano, genitori, compagni di scuola, ragazze, né è capace di avere contatti fisici con alcuno. Le sue difficoltà e le sue fragilità lo portano a trovare rifugio nell’informatica e nei numeri, e a creare un mondo in cui lui stesso finisce per trovarsi intrappolato a causa di bugie e menzogne, che lo aiutano a sfuggire non solo da una realtà che gli riesce insopportabile vivere, ma anche da se stesso.

In fondo nella vita siamo tutti pronti a mentire, e le bugie più grosse le raccontiamo nella nostra immagine riflessa nello specchio.”

È un suo ex professore di matematica, un po’ strambo e svitato agli occhi di tutti, che lo aiuta a ritrovare la voglia di vivere, a provare a volersi bene, a risalire dopo aver toccato il fondo. E poi c’è Giulia, la donna che più di ogni altro essere umano gli insegna a conoscere l’alfabeto delle emozioni. Perché il destino, si sa, a volte ci fa incontrare delle persone che hanno la capacità di farci provare più amore verso noi stessi, ma soprattutto a dare forma ai nostri sogni e a decidere quello che vogliamo essere e che vogliamo fare nella nostra vita.

Noi siamo padroni del nostro destino, e nella vita possiamo scegliere di essere portatori d’ombra o portatori di luce”, così come possiamo decidere di attivare “consonanze” con il resto del mondo. Prima, però, bisognerà conoscere la sensazione devastante di chi ha toccato il fondo e di chi ha conosciuto il dolore per poter poi tornare a galla e rinascere e ricostruire tutto quello che siamo stati capaci di distruggere, rovinandolo “quasi” irrimediabilmente.

Un libro avvincente e commovente, da cui è difficile staccarsi, perché il percorso di questo giovane – di cui non conosceremo il nome, perché tutti possano identificarsi nella sua storia – non può non coinvolgerci, non può non farci desiderare di conoscere attraverso quali strade il dolore lo porterà alla rinascita.
Un libro che, in modo toccante e profondo, ci fa riflettere sui nostri errori e sull’importanza di parlare e chiarire sempre tutto con le persone a cui vogliamo bene, perché le parole non dette e i nodi irrisolti sono quelli che poi pesano come macigni sul cuore.
E, a volte, lo capiamo quando oramai è troppo tardi, quando non c’è più modo di tornare indietro per poterlo fare.
Quando si rimane intrappolati nei rimpianti delle cose taciute.
Per sempre.

Ornella Durante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.