Le “Golden voices” di Evgeny Ruman ipnotizzano Cirano nella sesta giornata del Bif&st

Tra le mete del nostro Bif&st 2020, è stato davvero un piacere per Cirano tornare al Teatro Piccinni. Ancora una volta è stato accolto da un rassicurante termoscanner puntato alla testa, dall’odore ormai familiare di disinfettante e dalle musiche del Maestro Morricone che distraggono da questa quotidianità fantascientifica.
L’appuntamento quotidiano è con “Golden Voices (Kolot Reka)” di Evgeny Ruman, che ripaga appieno l’attenzione sin dai primi fotogrammi. 

È il 1990 quando Victor e Raya Frenkel, due importantissimi doppiatori russi, decidono di emigrare dall’Unione Sovietica verso Israele. Cambiare vita e trovare un nuovo lavoro non sarà semplice, ma i due non molleranno, ritrovandosi a vivere situazioni bislacche.
In particolare sarà il nuovo lavoro di Raya (Maria Belkin) a divertire gli spettatori e sarà la forza motrice che porterà disordine nel suo matrimonio, ormai da tempo un po’ addormentato.
Il film è una storia d’amore tra due coniugi legati da tantissimi anni, ma anche una storia di voci, di passione per il cinema e per Fellini, regista idolatrato da Victor (Vladimir Friedmanche), a tal punto da proporre, anzi pretendere di poter doppiare “La voce della luna” nel momento in cui gliene viene concessa l’occasione.

La voce: è lei la vera protagonista del film.
È della voce di Raya che Victor s’innamora prima di conoscerla e proprio grazie a quella voce scoprirà i segreti della moglie; è dal suono della  voce che l’uomo viene riconosciuto da una commessa come uno dei più grandi doppiatori del tempo; è la voce che unisce/separa la coppia; è la voce il tema di una canzone straniera e incomprensibile, ascoltata distrattamente in auto.
Raya si definisce “voce in sottofondo” nella loro vita matrimoniale, in quanto non nota interesse da parte del marito per ciò che lei vuole veramente e non sente di ricevere abbastanza attenzioni.
Ma, come spesso accade, la verità non è mai una soltanto.
Victor, a modo suo, la ama davvero e lo dimostra rincorrendola per farle indossare la maschera antigas, preoccupato per gli attacchi di Saddam Hussein, oppure scattandole foto in tutti i luoghi e i momenti che per lui ha importanza immortalare.
In quelle foto c’è sempre e solo lei, tranne nell’ultima, un selfie ante litteram di Victor solo e triste.

Golden Voices” è quindi la storia di un uomo e di una donna il cui dono è possedere una voce unica e meravigliosa, che può giungere a migliaia di spettatori a loro sconosciuti, ma che non sa pronunciare un semplice “ti amo” alla propria metà.

Elisabetta Tota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.