26 marzo 2020 – Come è profondo il male

Qui dal mare, notiamo il repentino mutamento di alcune vostre abitudini quotidiane sulla terraferma.

In realtà, per noi saraghi & affini, è un bel periodo: ristoranti chiusi e contrazione dei consumi in pescheria, ci consentono di sopravvivere con maggior sicurezza; diminuisce il timore di essere agganciati da qualche amo e facciamo capolino sulle vostre coste per
assistere agli “effetti collaterali” della complicata situazione che state vivendo sulla terra.

Vediamo alcune cose divertenti: state dando spazio alla vostra creatività in cucina, bravi!

Ma, per piacere, “avast” (il riferimento al noto antivirus è puramente casuale) con le focacce, che il lievito di birra è ormai introvabile, quasi come le mascherine e l’alcool.

Avete rispolverato vecchi strumenti musicali con cui accompagnate le vostre canzonette: intendiamoci, a volte siete stonati, non siete tutti Springsteen o Mc Cartney, ma vi ascoltiamo con piacere, finanche quando cantate a squarciagola sui balconi assieme a tutto il condominio. Un piccolo dubbio: ma come minghia è che con questa situazione tragica cantate sempre “Felicità”?

Mai vi abbiamo visti scendere per strada con tanto entusiasmo per buttare la spazzatura o per un fare un salto al negozio.

E vedervi al pc alle prese col lavoro da casa e con le lezioni online, ben curati in volto ma con le pantofole ai piedi, fa un certo effetto.

E che strano le strade vuote, la mancanza di traffico; manco a Nderr a la lanz c’è il solito assembramento: meglio così.

Chi invece non cambia le proprie abitudini sono i soliti noti, quelli che abusano della tastiera con 20/30 post al giorno in una sequenza di invettive e complottismo.
È più forte di loro.
Inimmaginabile il numero di virologi ed epidemiologici spuntati ultimamente tra di voi.
E quanti esperti in situazioni emergenziali e in protezione civile!
Ognuno ha la sua ricetta, alternativa a quella dell’altro.
“Dovevano chiudere tutto, pure gli alimentari e le fabbriche farmaceutiche”. “Ma che dici? Qua è già un mortorio. Hanno chiuso troppo, sembra una dittatura”. 
“Ma com’è che non hanno ancora scoperto il vaccino, con tutte le ricerche che stanno a fare?” “Scusa, giovane, ma tu non eri un no-vax fino a 3 mesi fa?”.
E insomma, cose così: contestare gli ordini, lamentarsi degli altri e ipotizzare complotti internazionali sembra una pratica irrinunciabile.

Ieri, per esempio, è arrivato un sub dalle nostre parti.
Io mi ero riparato in un anfratto sicuro ma lui aveva puntato la mia amica ricciola.
La davo per spacciata quando al sub è suonato il telefonino.
Era un messaggio WhatsApp -rilanciato dagli ambienti di 2 politici, uno lombardo con la felpa e l’altra romana fissata con le zucchine di mare- con un video di un servizio TV di alcuni anni fa che mostrava le tecniche di laboratorio di alcuni scienziati cinesi con cui provavano ad isolare e modificare un vecchio virus.
La fantasia galoppante dei siti noti ha portato a pensare che si trattasse dello stesso virus che oggi state combattendo. Insomma, il sub ha visto il video, si è imprisciato, ha perso la ricciola, che per fortuna si è salvata, ed è tornato a riva gridando frasi sconnesse come: “Guerra alla Cina”, “Prima gli italiani”, “Presidiamo i confini per sparare al virus.”

Insomma gente strana circola da voi.
Non so se, con questi personaggi, vi salverete, cari terrestri.

Lng

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.