5 gennaio 2020 – Si fanno sempre riconoscere

L’auspicio di fine anno di veder finalmente placarsi interventi scomposti e strepitii pieni d’odio, mi sa che è caduto nel vuoto.

Da una breve lettura del magico mondo social, il Sarago, nei primi 4 giorni dell’anno, ha potuto verificare che 3 nuovi “obiettivi sensibili” sono stati oggetto delle “attenzioni” dei soliti noti.

Il primo, il Presidente della Repubblica, col suo discorso di fine d’anno, era abbastanza scontato: se nel discorso vi è un accenno ai guasti sociali provocati dagli haters di tastiera e dai propagatori di bufale, è fisiologico che questi ti prendano di mira il giorno dopo.
E così è stato con la loro solita eleganza.

Il secondo, in effetti, stava maturando da qualche tempo: troppe uscite sulla tolleranza e sull’esigenza di combattere la xenofobia che non sono piaciute a quegli ambienti che, vista la scenetta della spontanea reazione a suon di buffetti del Santo Padre a quello strattonamento -che immaginiamo doloroso per una persona di quell’età e in quelle condizioni – da parte della signora, si sono scatenati per tornare ai loro cavalli di battaglia sull’argomento: “Il Papa deve essere italiano (con l’eccezione di Papa Ratzinger), deve essere votato dal Popolo e deve indossare l’abito con la scritta Prima gli italiani”.

Il terzo caso è una sorpresa perché fino a pochi giorni fa ne tessevano le lodi per via di un trailer che avevano visto in TV e da cui avevano immaginato potersi ricavare una succulenta occasione per rinverdire i fasti del cachemire, dei Rolex e dei catto-comunisti.
Finanche il loro capo, vedendo il trailer, aveva auspicato che il Regista diventasse senatore a vita.
E insomma vanno a vedere sto film e, colpo di scena, non è affatto come speravano.
Anzi, si sentono presi per i fondelli, loro e i loro slogan e sclerano sui social contro il regista.

I sovranisti-populisti sono così: se qualcosa non va secondo le loro schematiche idee, perdono la pazienza e mostrano, in pochi minuti, il lato peggiore dell’essere umano.
La beffa è che non possono dire che il film è stato finanziato da Soros, come dicono sempre, perché stavolta l’hanno finanziato loro!

Lng

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.