23 settembre 2019 – Finalmente un sorriso

La notizia ci rallegra perchè non se ne poteva più della situazione che si era creata. Finalmente, infatti, sorridono e appaiono contenti.

E’ da un anno e mezzo che, pur dichiarandosi vittoriosi alle elezioni per aver sconfitto la “zecca rossa”, li vedevi comunque cupi, arcigni, incattiviti.
Sulle loro bacheche dove, a fronte della sbandierata vittoria, ti aspettavi di cogliere serenità, ironia, leggerezza, si leggevano, invece, cupi e inquietanti messaggi: dalle orazioni funeree per gli avversari sconfitti, alle “ruote che girano”; dall’invito alle donne del PD ad andare in Africa (la frase, in realtà, prosegue con riferimenti più espliciti all’attività da svolgere in loco ma Cirano Post è una pagina garbata e dunque è meglio evitare i dettagli), all’esortazione a mettere in galera gli avversari definiti “male dei mali”.
E insomma, i nostalgici del manganello e i loro eredi son fatti così, non si accontentano; senza schiumare rabbia e produrre bile, non riescono a vivere.
Ed è davvero un peccato vederli soffrire così, con la faccia amareggiata e sempre pronti alla pugna (non fate i maliziosi: la pugna nel senso della lotta, della battaglia!).

E invece, colpo di scena, dall’altro giorno li vedi più rilassati e contenti; qualcuno addirittura sorride.
Dopo brevi ricerche, ho capito la ragione. E insomma, pare che una “risoluzione” del Parlamento europeo li abbia allietati.
Intendiamoci, è una di quelle risoluzioni senza alcun contenuto cogente, un po’ all’acqua di rosa, con una fisiologica dose di ruffianeria per soddisfare esigenze politiche del momento e contenente (da quel poco che capisco in materia) anche un paio di clamorosi strafalcioni storici.
Ma a loro sta bene così, si sentono realizzati.
Nella loro interpretazione dozzinale, son felici che i loro “danti causa” non vengano più considerati i soli “pezzi di merda” della storia dell’ultimo secolo.
Sono in compagnia di altri, “i comunisti”, dicono loro, semplificando il già sempliciotto contenuto della risoluzione.

La notizia è da festeggiare perchè non ne potevo più di vederli ringhiare, rancorosi e incattiviti.
E, soprattutto, non se ne poteva più di ascoltare le loro invettive complottiste su “l’Europa, espressione dei poteri forti giudo-plutaici-comunisti” oppure su “Macron, Gentiloni, Merkel e Sassoli comunisti assassini”.

Che poi, diciamocelo, i loro figli o i loro nipoti, quando studiano la storia e scoprono che i loro padri gli hanno raccontato un mucchio di panzane, un poco si vergognano e si creano antipatici conflitti familiari.
Ecco, con la gioia derivante dall’interpretazione di questa “risoluzione”, ora questi signori si son finalmente riappacificati con l’Europa e non saranno più costretti a raccontare frottole ai bambini contro l’Europa.
E i bambini, a loro volta, non dovranno più vergognarsi dei loro genitori.

Meglio così.

LNG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.