17 settembre 2019 – Ho visto cose …

Ho visto cose che voi umani non avreste mai potuto immaginare.

Navi di invasori ricacciate al largo dei bastioni di Orione; ebrei, gay, grillini e pidioti infami, finalmente in fiamme; giornalisti impiccioni che chiedevano dei 49 milioni finiti col naso spaccato e con la telecamera distrutta.
La nostra gente allegra, vestita di verde, braccio teso, elmetti e corna giganti, dal prato di Pontida, ha detto a tutti quelli che ci mettono i bastoni tra le ruote, dal Papa, a Conte, da Renzi a Zingaretti, dalla Francia alla Germania, dall’ONU all’Africa, da Malta all’Olanda, insomma, a tutto il mondo, quel che meritano.

E ho visto zecche rosse cacciate al grido di “Sei ebreo, non italiano. Fuori dall’Italia, vai al tuo paese”.

Ho visto pantaloni alla zuava, volti rubicondi, rutto continuo e panze padane.
E uomini d’affare russi, tra vodka e caviale, provare ad aiutarci a far cadere quest’Europa pervertita.

Il Capo dello Stato lo insultiamo perchè non ci vuol far governare; e sappiamo che farne della bandiera tricolore; abbiamo amici spacciatori, trafficanti di stupefacenti, frequentatori di bordelli, stupratori e ultras col busto del duce che ci aiutano dalle curve; e poi fedeli servitori della ‘ndrangheta importati nelle nostre terre per far crescere la nostra ricchezza; questo è il nostro Popolo a cui è sottratta la libertà.

E abbiamo altri amici pagati -sempre coi soldi degli italiani- per raccontare bufale.

E bambini sul palco per fare spettacolo e bambole gonfiabili da stuprare raffiguranti donnacce che aiutano i neri.

Bei tempi.
Non vorrei che tutti questi momenti gloriosi vadano perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.

È tempo di guerreggiare, è tempo di tornare con le baionette a Palazzo Chigi.
E’ tempo di una nuova marcia su Roma.

LNG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.