Nell’Agorà del Consiglio Regionale della Puglia, si inaugura “#StoriediPuglia 1960-1980”, la mostra fotografica promossa dall’Associazione Cirano che racconta la storia di una regione sferzata dai venti del cambiamento

Istantanee che racchiudono emozioni collettive, avvenimenti, mutamenti sociali, tutti momenti che, in un solo scatto, raccontano la storia e fanno riaffiorare la memoria.

Sono le immagini che costituiscono la mostra #Storiedipuglia 1960-1980, che sarà inaugurata oggi, lunedì 13 febbraio 2023 alle ore 16.30 nell’Agorà del Consiglio Regionale della Puglia (via Giovanni Gentile n.52, Bari).

L’esposizione fotografica è promossa dall’Associazione Cirano, cui pure fa capo questa testata giornalistica, e da SISUS – Società Italiana di Scienze Umane e Sociali APS, in collaborazione con Cime e Kurumuny, con il sostegno del Consiglio Regionale della Puglia e della sua biblioteca Teca del Mediterraneo.

Alla presentazione della mostra interverranno:

–     Loredana Capone, Presidente del Consiglio Regionale della Puglia;

–     Franco Muciaccia, Presidente dell’Associazione Cirano;

–     Maria Teresa Santacroce, Presidente SISUS – Società Italiana di Scienze Umane e Sociali APS;

Subito dopo l’inaugurazione, alle ore 17:00, nella stessa sede della mostra si terrà una tavola rotonda sul tema Fotografia: uno strumento didattico per la memoria futura. Interverranno: Loredana Perla, Direttrice del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Bari, Luciano Canfora, filologo, storico e saggista, Francesco Giasi, Direttore della Fondazione Gramsci. A coordinare l’incontro sarà Maria Teresa Santacroce, Presidente SISUS – Società Italiana di Scienze Umane e Sociali APS.

Contestualmente sarà presentato il catalogo della mostra, edito da Kurumuny, inserito nella linea editoriale del Consiglio regionale della Puglia “Leggi la Puglia”, in cui confluiscono tutte le pubblicazioni del Consiglio Regionale della Puglia realizzate con il coordinamento della Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.