Un debutto regionale, un debutto nazionale e la partenza dell’XI edizione del laboratorio “Agli Antipodi”: la “Compagnia Licia Lanera” alfiere della drammaturgia contemporanea, da Antonio Tarantino a Pauline Peyrade

Agiranno su più fronti le attività che vedranno impegnata nei prossimi mesi la “Compagnia Licia Lanera“, a partire dalla inaugurazione dell’undicesima edizione del laboratorio “Agli Antipodi”, che godrà sabato 17 settembre, alle ore 17.00 di un Open Day, una lezione di prova gratuita per chi fosse curioso di conoscere la didattica del gruppo prima di iscriversi (per info ed iscrizioni: laboratori@compagnialicialanera.com).
Il laboratorio si svilupperà in due classi con due diversi livelli di approfondimento, una dedicata a chi si avvicina per la prima volta alle pratiche teatrali e una che raccoglie chi ha già esperienza; il corso inizierà a metà settembre e terminerà nel mese di giugno 2023, le lezioni saranno di tre ore e si svolgeranno una volta a settimana a Bari presso Spazio13. «Da sempre, noi della Compagnia Licia Lanera, riflettiamo il nostro approccio al teatro e la poetica dei nostri spettacoli negli incontri con gli allievi, per questo, dedichiamo un grande spazio, soprattutto nel corso delle prime lezioni, allo sviluppo della propensione al lavoro in gruppo – caposaldo del lavoro di compagnia – e all’accrescimento dell’ascolto e della consapevolezza del proprio corpo. Focus del nostro lavoro di formazione è, poi, la pratica della parola, attraverso sia la scrittura di testi propri sia l’analisi di testi di drammaturgia contemporanea. L’incontro con il pubblico, infine, resta il passaggio fondamentale del nostro percorso formativo per questo, a compimento del lavoro fatto durante l’anno, prevediamo la messa in scena finale nel mese di giugno in un teatro della città e, per il corso più avanzato, una serie di lezioni aperte durante le quali, attraverso il confronto periodico con il pubblico, gli allievi hanno la possibilità di avere un riscontro immediato del lavoro in corso».

Venerdì 7 ottobre 2022, lo spettacolo Con la carabina, con la regia di Licia Lanera su testo di Pauline Peyrade, per la prima volta tradotto in Italia dopo aver vinto il Grand Prix de littérature dramatique Artcena 2021, aprirà la rassegna Il peso della Farfalla a cura di Clarissa Veronico. Lo spettacolo sarà al suo debutto regionale e andrà in scena in una secret location a Bari, con numero di spettatori limitato, con repliche fino al 16 ottobre.
Il testo, diviso tra passato e presente, racconta di una bambina che è stata riconosciuta consenziente di uno stupro dalla sentenza di un tribunale, e, diventata donna, decide di farsi giustizia da sola. Licia Lanera dirige Danilo Giuva ed Ermelinda Nasuto, due attori che attraverso il gioco teatrale ed accompagnano lo spettatore negli inferi, affondando nella strada della violenza attraverso il potere evocativo della parola, in modo claustrofobico e violento, con un ritmo scandito dalle luci di un set fotografico che muta continuamente per mano degli attori stessi.
Con la carabina è un testo lucido e imparziale, che fugge dall’idea di dividere categoricamente il mondo in buoni e cattivi, ma analizza i meccanismi culturali e antropologici che fanno scaturire alcuni comportamenti violenti. Licia Lanera sottolinea come «l’analisi di questi meccanismi, insieme ad una scrittura viva e affascinante, sono gli elementi che mi hanno portato prima ad abitarlo, poi a patirlo e infine a metterlo in scena. Ne è venuto fuori uno spettacolo-incubo, un non luogo, in cui ci sono due attori/servi di scena che si fanno ora adolescenti ora adulti ed evocano attraverso la parola e pochi elementi scenici, la dinamica di una storia atroce».

Infine, Licia Lanera debutterà prima a Modena, in forma di studio, e poi all’Arena del Sole di Bologna il 29 novembre 2022 con “Love me“, due pezzi di Antonio Tarantino, un monologo della Lanera con sua regia e adattamento, prodotto da Emilia Romagna Teatri in collaborazione con Compagnia Licia Lanera. Lo spettacolo debutterà a Bari il 29 aprile 2023 all’interno della rassegna “Sconfinamenti” del Teatro Kismet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.