Fausta Vetere, Frida Bollani Magoni, Giovanni Truppi, Renzo Rubino, Forthyto e i Beati: tutti a Mola di Bari per la quarta edizione di MAUL, il concerto omaggio al grande Enzo Del Re

Anche quest’anno, per la quarta edizione, torna a Mola di Bari MAUL – Molese Anarchico Uomo Libero, il concerto/tributo a Enzo Del Re, il “cantaprotestautore” morto a Mola di Bari il 6 giugno del 2011, un gigante della musica italiana.

Più di un tributo, più di un concerto. MAUL, l’evento che si terrà domenica 28 agosto 2022, a partire dalle ore 21.00, nell’Arena del Castello di Mola di Bari, è un progetto, un momento di riflessione che partirà dalle parole di uno dei più grandi cantastorie pugliesi: Enzo Del Re. Una serata in cui riascoltare – ogni artista lo farà con una sua personalissima chiave – canzoni che hanno raccontato e raccontano la terra di Puglia, il disagio di chi cerca una occasione, la ricerca continua di un punto di svolta.

Con la direzione artistica di Timisoara Pinto anche autrice per la casa editrice Squi[libri] del libro “Lavorare con lentezza, Enzo Del Re il corpofonista”, Mola di Bari diventerà il centro della musica d’autore e il palcoscenico di alcuni dei più grandi artisti del panorama musicale italiano. Un’idea cresciuta nel tempo, resa più ricca e composita dalla collaborazione con l’associazione ETRA E.T.S. presieduta da Luciano Perrone coordinatore generale del progetto MAUL, che riprende e sviluppa il lavoro fatto dopo la morte di Del Re da Domenico Sparno della Libreria Cultura Club Cafè e Rodolfo Vaccarelli. La direzione artistica dei primi due concerti fu affidata a Vinicio Capossela.

Alla serata parteciperanno Forthyto autore di una rivisitazione integrale del lavoro di Enzo Del Re del 1973 conosciuto ai più come “Maul”, Frida Bollani Magoni interprete eccezionale e talento raro, Il gruppo molese dei Beati, il tarantino Renzo Rubino che con il suo Porto Rubino ha fatto del mare uno dei teatri più frequentati d’Italia, Giovanni Truppi sintesi di passione per la musica e la letteratura, vincitore della Targa MEI Artista Indipendente al Festival di Sanremo 2022, e infine Fausta Vetere, una delle voci storiche della musica popolare italiana, leader della Nuova Compagnia di Canto Popolare, una donna da sempre impegnata nel sociale, interprete – come Del Re – dei deboli e dei diseredati, portavoce di chi non ha diritti.

Partendo dalla terra di Del Re, la sponda da cui lui partiva e dalla quale non si è mai allontanato veramente, che ricordava con nostalgia, ma sempre con un amore sterminato, MAUL diventa megafono di un repertorio necessario in questi tempi difficili.
<<Enzo Del Re, l’artista invisibile, difficile da ricordare, ma anche da dimenticare – ricorda la direttrice artistica di MAUL Timisoara Pinto – Sonoro e polemico, anticonformista, coerente fino alle estreme conseguenze. Suonava se stesso perché non aveva bisogno di mediazioni; lui era la sua orchestra, si percuoteva il corpo, schioccava la lingua, ha scelto la sedia come unico strumento per riscattare il martirio degli anarchici Sacco e Vanzetti. Cantava con voce chiara il lavoro e lo sfruttamento perché quella è la vita che gli è passata davanti. Denunce in versi. A farsi le sue domande si rischiano scomode risposte e questo non conviene, non ci conviene. Quelli come lui muoiono soli, tocca a noi ora fargli compagnia cantando il suo mondo. Anche quest’anno, come ogni anno, i versi della sua “bocca amara” risuonano sulle labbra di grandi artisti. Tutto davanti al mare che amava. “MAUL. Omaggio ad Enzo Del Re” custodisce e rinnova la memoria del cantautore di Mola di Bari anche attraverso il manifesto di questa edizione disegnato a mano dall’illustratrice pugliese Mariagrazia Proietto>>.

<<Siamo sempre stati convinti dell’importanza di promuovere gli artisti pugliesi, qualsiasi musica essi propongano – Cesare Veronico coordinatore artistico Puglia Sounds / Medimex -. Coltiviamo e sosteniamo le nuove proposte, e lo facciamo ancor più con gli artisti che non ci sono più e che hanno tracciato dei solchi nella tradizione musicale pugliese e italiana. Uno di questi è Enzo Del Re. Sosteniamo MAUL sin dal primo anno perché riteniamo sia doveroso coltivare anche la memoria insieme con le novità. Una memoria che da sola, in questo caso, sottolinea la forza dei pugliesi, la loro voglia di cambiamento e il coraggio di contrastare un destino che per tanti sembra segnato. Quei pugliesi che, come Del Re, sono capaci di raccontare con la bellezza della musica i sentimenti di rivalsa che da sempre contraddistinguono chi abita la nostra terra>>.

<<MAUL. Omaggio ad Enzo Del Re è, per la nostra città, uno degli eventi più attesi del cartellone estivo perché negli anni è riuscito a conservare la sua principale vocazione: quella di ricordare e celebrare la figura di un grande artista rispettando lo stile e lo spirito che ha contraddistinto la sua vita e la sua arte. Enzo Del Re – ha continuato il sindaco di Mola di Bari Giuseppe Colonna – ha dato e continua a dare tanto a Mola e l’auspicio che ho, da amministratore, è che la città possa sempre di più rendere merito a un uomo e a un artista che continua ancora oggi a ricordarci la straordinaria attualità di alcune battaglie politiche, sociali, economiche e culturali di cui, grazie alla sua musica e al suo esempio, si è reso protagonista. Un ringraziamento voglio infine rivolgere all’Associazione ETRA, a Timisoara Pinto, a Domenico Sparno e a tutti i collaboratori che ogni anno fanno crescere questo appuntamento, nonché alla Regione Puglia e al Teatro Pubblico Pugliese per non aver mai fatto venire meno il sostegno e il supporto a MAUL. Aspetto tutti a Mola di Bari il prossimo 28 agosto>>.

<<Per il quarto anno consecutivo – ha affermato Luciano Perrone, coordinatore generale del progetto – con il supporto del Comune di Mola di Bari e della Regione Puglia, grazie al lavoro di un gruppo organizzativo coeso e motivato, omaggiamo Enzo Del Re, la sua musica, le sue parole, la sua intransigenza, il suo essere sempre dalla parte degli ultimi. L’unicità e innovatività della sua arte connotata da un deciso radicamento territoriale contribuiscono alla valorizzazione del patrimonio culturale regionale e, il nostro obiettivo è che in futuro questo appuntamento annuale rappresenti il momento culminante di un percorso di approfondimento e divulgazione del lascito artistico di Enzo Del Re, in particolare a favore delle giovani generazioni>>

“MAUL, molese, Anarchico, Uomo, Libero”, è un progetto dell’associazione culturale ETRA E.T.S. e della Libreria Culture Club Cafè, promosso da Puglia Sounds e Comune di Mola di Bari. La direzione organizzativa di MAUL è affidata a Luciano Perrone e Michele Campanella. Il coordinamento territoriale a Domenico Sparno.

L’accesso all’evento è libero e gratuito.
Apertura porte alle 20.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.