Al Redentore di Bari, la voce jazz di Patty Lomuscio presenta il disco “Star Crossed Lovers”

Lo sguardo pasoliniano di «Bari vista dalla Luna», la rassegna inserita nel programma «Le due Bari» che l’amministrazione comunale finanzia attraverso risorse del Ministero della Cultura, mette a fuoco il grande jazz made in Puglia con la cantante andriese Patty Lomuscio, ospite oggi, venerdì 26 agosto (ore 21) nel cortile del Redentore.

L’artista presenta il disco «Star Crossed Lovers» per il quale si è avvalsa dell’apporto di musicisti di portata internazionale, a partire da una leggenda del jazz, il pianista Kenny Barron, per arrivare al contrabbassista Peter Washington, al sassofonista Vincent Herring, al batterista Joe Farnsworth. Ad accompagnarla in questo set barese un’altra formazione di livello composta da Michael Rosen (sax), Domenico Sanna (pianoforte), Ameen Saleem (contrabbasso) e Greg Hutchinson (batteria).

Registrato a New York, «Star Crossed Lovers» ha ricevuto particolari apprezzamenti dalla critica al momento della sua uscita, lo scorso aprile. Si tratta di un progetto contenente diversi standard, a partire dalla title track, omaggio a Billy Strayhorn e Duke Ellington, e una sola canzone italiana, «E se», scritta da un altro artista pugliese di talento, Mario Rosini.  «Con questo disco – racconta la cantante – ho realizzato un sogno: fare un disco jazz nella capitale del jazz, New York, con una leggenda del jazz, Kenny Barron. E pensare che tutto è iniziato per caso, durante il periodo di lockdown, grazie all’amicizia che mi lega a Joe Farnsworth, re dello swing. Durante i giorni di isolamento è iniziato uno scambio di musica ed e-mail. E alla fine, il tanto agognato progetto si è concretizzato nello studio di registrazione jazz più importante al mondo, il Rudy Van Gelder Studio, dove hanno inciso, tra i tanti, John Coltrane, McCoy Tyner, Abbey Lincoln e Clifford Brown».

Il denominatore comune delle canzoni è l’amore, sentimento che ha regolato la vita di Patty durante la solitudine forzata, tra incertezza e smarrimento. E di amore, un amore profondo, parla «E se» di Rosini. «Una canzone scritta da un amico e musicista straordinario alla quale sono particolarmente legata perché – spiega l’artista – il significato ha molto a che fare con mio padre».

I brani scelti – ci sono anche il classico «Body & Soul» portato al successo da Coleman Hawkins e «Cedar’s Blues» di Cedar Walton – risuonano magnificamente grazie all’elegante interpretazione di Patty Lomuscio, splendidamente sostenuta dal tocco pianistico di Kenny Barron, dal suono profondo di Peter Washington, dalle note struggenti di Vince Herring e dal ritmo incalzante di Joe Farnsworth.

La rassegna «Bari vista dalla Luna» prevede altri due appuntamenti musicali nel weekend, sabato 27 agosto (ore 21), sempre nel cortile del Redentore, con il progetto «Postales Argentinas» dell’Ensemble Voz Latina, un quartetto vocale diretto da Maximiliano Banos e accompagnato dalle chitarre di Edoardo Heguez, e domenica 28 agosto (ore 20), nella chiesa di San Sabino, con l’ultimo dei quattro concerti dell’Ensemble Orfeo Futuro, stavolta dedicato agli autori del barocco pugliese.

I concerti sono tutti a ingresso libero sino ad esaurimento dei posti. Info 353.4130148.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.