“Rerum Rubis”: torna a Ruvo di Puglia la rievocazione storica ispirata alla famiglia Carafa

Torna a Ruvo di Puglia, venerdì 15 sabato 16 luglio, l’evento di Rievocazione Storica ispirato alla Famiglia Carafa con particolare attenzione ai moti del 1799, a cura del Cultura et Memoria Centro Studi di Ruvo di Puglia con il sostegno di Comune di Ruvo,  Consiglio Regionale della Puglia, Parco Nazionale dell’Alta Murgia,  Pro-loco e il patrocinio gratuito di Teatro Pubblico Pugliese e CERS. 

Rerum Rubis, questo il nome scelto per l’edizione 2022 che vede la direzione artistica di Raffella Lorusso, vicepresidente del CERS – Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche affiancata da altre figure d’eccellenza del territorio ruvese in collaborazione con gli indispensabili volontari che da sempre con dedizione e passione seguono i lavori di Cultura et Memoria.

Dopo due anni caratterizzati dalle restrizioni legate all’emergenza sanitaria, l’ormai rinomato corteo storico torna ad animare il borgo ruvese con un nuovo format inclusivo, innovativo e caratterizzato da un ricco e variegato programma. La pandemia non ha fermato le progettualità del Centro Studi che rilancia quest’anno il progetto con un’edizione rinnovata e dallo sguardo più ampio, guardando fino al 2024 (anno in cui cadrà il 225° anniversario dalla nascita della Repubblica Partenopea) con la prospettiva di rendere la città di Ruvo di Puglia uno dei siti di interesse – insieme ad Altamura, Bitonto, Andria e Trani – di animazione e spettacolo della memoria storica italiana.

Un percorso storico-rievocativo, dunque, dei Carafa che, partendo dall’istituzione della festa dell’Ottavario, evoca situazioni e ambientazioni legate al paese durante i tre secoli di dominio della famiglia ruvese – dal 1510 al 1806 – ponendo l’accento sul 1799 e sulle vicende che coinvolsero Ettore Carafa IV, così come pervenute dalle testimonianze dell’epoca. Un’occasione unica di studio per le nuove generazioni che hanno la possibilità di accostare nomi di cittadini ruvesi a episodi storici specifici per comprendere l’importanza delle gesta dei protagonisti di quei moti del 1799 che hanno visto Ruvo protagonista e che si inquadrano nel contesto storico e ideologico ispiratore della Rivoluzione Francese.

La due giorni di festival si apre, venerdì 15 luglio alle ore 18.30 nella piazzetta antistante l’Info Point di via Vittorio Veneto 46, con ‘Ruvo e il 1799, luoghi e memorie’, presentazione del progetto e convegno storico con la presenza del Sindaco di Ruvo di Puglia Pasquale Chieco, l’Assessora alle Politiche di Comunità Monica Filograno, laPresidentessa del Cultura et Memoria Centro Studi Aps Vincenza Tedone e il Presidente Regionale Unpli Puglia  Rocco Lauciello; il convegno ospiterà l’intervento dei relatori: il Professor Vincenzo Colaprice (“Personaggi ed eventi nella Ruvo del 1799”) e l’Architetto Lidia Tecla Sivo (“Aspetti architettonici e dei luoghi nel periodo del tardo ‘700”).

A seguire, alle 20:30 in Piazza Dante nei pressi della Torre Campanaria in programma il concerto “Tra Settecento e Ottocento” a cura dell’Orchestra Sinfonica Ruvese composta dall’Associazione Musico Culturale Nicola Cassano “L’Orchestra Senza Confini” e dall’Associazione Bandistica “Basilio Giandonato”, dirigono i maestri Gennaro Sibilano e Rocco Di Rella; a impreziosire la serata, Nico Gattullo sarà protagonista di una performance di danza acrobatica aerea.

Nella seconda giornata, sabato 16 luglio, si svolgerà il “Corteo storico, musica e danze per un suggestivo viaggio nella storia” con il ritrovo dei figuranti alle ore 18:30 presso la Scuola Media Statale Domenico Cotugno e la partenza alle 19.30 in Largo Di Vagno del corteo che attraverserà le strade del centro storico per poi concludersi in piazza Matteotti. Le tappe saranno le seguenti: 20:30 in piazza Garibaldi e 21:30 in Piazza Dante (Giardino Comunale) dove è in programma lo spettacolo “Reenactment e living history” a cura dell’attore Livio Berardi e la piantumazione dell’ olmo della libertà.

La chiusura dell’evento sarà in piazza Matteotti alle 22:00 con lo spettacolo finale “Lumina INNO ALLA LIBERTÀ Ruvo 1799”, animato da Timpanisti “I Musican Talos” (Ruvo di Puglia), Gruppo Storico Città di Ruvo di PugliaGruppo Folk (Città di Ruvo di Puglia), Al.Gra.Ma(Città di Altamura), Timpanisti Fajanensis (Città di Fasano), Accademia della Battaglia (Città di Bitonto) e I Murattiani (Pro Loco di Alezio – Le).

In entrambe le giornate sarà possibile visitare accompagnati da guide certificate dalla Pro-loco siti storici come la chiesa di San Domenico, di Sant’Angelo, l’ala destra del Purgatorio e la Torre dell’Orologio. Per le visite guidate il punto di ritrovo è in via Vittorio Veneto presso la piazzetta antistante l’Info Point (info e prenotazioni 0803628428, prolocoruvodipuglia@libero.it).

Sono sponsor dell’iniziativa Villa Carafa, Alleanza assicurazioni – Andria, Dia Diavendig, Gentis – Gruppo Campanale, dolce fiore – dolceshop – Edil Ficco Paolo, si ringrazia inoltre l’intera rete territoriale che ha contribuito in varie forme alla realizzazione del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.