A Ruvo di Puglia, Oscar Iarussi incontra Romano Prodi per la presentazione del libro “Strana vita, la mia”

«Eravamo nove fratelli, tutti a studiare attorno allo stesso tavolone rettangolare, nell’appartamento di via Toschi, a Reggio Emilia».

È questo uno dei primi ricordi di Romano Prodi, uomo – o meglio, ragazzo – prima ancora che politico e di quella vita intensa, “strana” come da lui stesso definita, raccolta nelle pagine di un libro scritte insieme a Marco Ascione, giornalista del Corriere della Sera. “Strana vita, la mia” (Casa editrice Solferino) sarà presentato lunedì 2 maggio nel Nuovo Teatro Comunale di Ruvo di Puglia, nell’ambito di un evento organizzato dalla Libreria Agorà – Bottega delle Nuvole in collaborazione con lo stesso teatro e con il patrocinio del Comune di Ruvo di Puglia. 

A condurre la conversazione con il professor Romano Prodi sarà, a partire dalle ore 19, il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, Oscar Iarussi. Apertura porte del teatro alle ore 18.30. 

Strana vita, la mia” è un libro che racconta la storia italiana e internazionale degli ultimi sessant’anni: una storia personale che attraversa quella d’Italia e d’Europa. Pagine avvincenti che, attraverso il racconto di un’esperienza di vita incredibile, offrono costantemente la sensazione di un’Italia e di un’Europa dove il meglio deve ancora venire, dove c’è spazio per speranze e progetti. Pagine che si fanno testimoni di una modalità anticonvenzionale di interpretare il ruolo del politico: «Essere l’ottavo di nove fratelli è il più grande insegnamento politico possibile perché da un lato devi continuamente custodire il tuo spazio e, dall’altro, devi stare al tuo posto, altrimenti sono gli altri a fartelo capire».

Tutto parte dall’Emilia e dalle lezioni politiche della madre, dalle partite di calcio al Campo Volo nella Reggio Emilia rossa degli anni Cinquanta. Romano Prodi si racconta per la prima volta: la vita intensa di un protagonista della nostra storia che ha sempre «interpretato a soggetto» da riformista, sì, ma a modo suo. Vicino alla Democrazia cristiana, ma non dentro. Fondatore dell’Ulivo, senza farne un partito. Cattolico osservante, ma «adulto». Atlantista, ma ostinato coltivatore del multilateralismo, impegnato a trarre il meglio anche dal rapporto con i dittatori. I conti da pagare non sono mancati, anche a causa, talvolta, di una certa ostinazione. Eppure, ogni passo è stato benzina. Pochi politici in Italia possono vantare la sua carriera: professore universitario a Bologna, negli Stati Uniti e in Cina, due volte a capo dell’Iri e due volte premier, capo della Commissione europea e quasi presidente della Repubblica. «Strana vita, ma fortunatissima» dice. 

“Strana vita, la mia” – Conversazione con Romano Prodi
Lunedì 2 maggio, ore 19 – Nuovo Teatro Comunale, Ruvo di Puglia
Apertura porte alle ore 18.30. Ingresso libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.