La nuova settimana di appuntamenti teatrali organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese nei nostri Comuni

Numerosi gli appuntamenti in programma con il Teatro Pubblico Pugliese da oggi, domenica 20, a domenica 27 marzo 2022.
Tra stagioni in divenire e altre in partenza in questi giorni sono tanti gli spettacoli per grandi e piccoli disseminati lungo tutta la regione: Barletta, Ceglie Messapica, Corato, Nardò, Novoli, Bitonto, Bari, Castellaneta, Bisceglie, Taranto, Conversano, Lecce, Taviano, Martina Franca, Massafra, Canosa di Puglia, Ostuni, San Severo, Gioia del Colle, Putignano, Melendugno, Ginosa e San Vito dei Normanni.

Al termine i tour dei due fuoriclasse pugliesi: Emilio Solfrizzi con “Il malato immaginario” di Molière è in programma nell’ultima replica a Barletta oggi 20 marzo (Teatro Curci), mentre Vanessa Scalera, insieme ad Anna FerzettiDaniela Marra e Pier Giorgio Bellocchio con “Ovvi Destini”, con drammaturgia e regia di Filippo Gili, sarà questa sera, domenica 20 marzo a Corato (Teatro Comunale, ore 19) dove prima dello spettacolo, alle 17 ci sarà l’incontro con il pubblico per “Adotta uno spettacolo!”.

Sempre oggi, domenica 20 marzo a Bitonto (Teatro Traetta, ore 19) ci sarà il debutto europeo di Either Way della danzatrice e coreografa francese Sarah Cerneaux. L’appuntamento è parte della rassegna L’arte dello spettatore organizzata all’interno dell’ottava edizione del Network Internazionale Danza Puglia e sostenuta da Comune di Bitonto e Teatro Pubblico Pugliese. Either Way è una produzione sostenuta nella PermanenzArtistica nell’edizione 2020.2021 del NetworkIDP con la rassegna A Maglie Larghe e il Laboratorio Urbano Rigenera di Palo del Colle. In chiusura della serata del 20 marzo è in programma il consueto appuntamento A bordo palco in cui Ezio Schiavulli dialogherà con l’artista ospite.

Lunedì 21 marzo, primo giorno di Primavera, e Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie a Bari è in programma l’appuntamento con Sara Bevilacqua regista e interprete di “Stoc ddo’ – Io sto qua” (Teatro Piccinni, ore 19.30). Lo spettacolo è ispirato alla storia di Michele Fazio, ucciso dalla mafia a Bari il 12 luglio 2001 a neppure 16 anni, e a sua madre Lella che, senza paura, insieme a suo marito Pinuccio ha scelto di non girare la faccia dall’altra parte restando a vivere nella sua casa nella città vecchia, sfidando i clan della guerra per il traffico di droga, responsabili del proiettile che ha colpito e ucciso suo figlio mentre camminava per strada. La messa in scena sarà preceduta da una breve introduzione a cui parteciperanno Ines Pierucci, assessora alle Culture del Comune di Bari, Michele Laforgia, avvocato della famiglia Fazio, dello studio Polis, e Lella Fazio, mamma di Michele.  Modera l’incontro il professore Francesco Minervini.

Martedì 22 marzo inizierà il piccolo giro di Puglia di Tosca d’Aquino, Rocio Morales e Emy Bergamo con “Fiori dacciaio di Robert Harling, regia di Michela Andreozzi. Una commedia agrodolce tra sorrisi e commozione, sentimenti e ironia, qualche volta crudele, senza essere mai cinica o sarcastica. Lo spettacolo è in programma il 22 marzo a Castellaneta (Teatro Cinema Valentino, ore 21), il 23 marzo a Bisceglie (Politeama Italia, ore 21) e il 24 marzo a Bitonto (Teatro Traetta, ore 21).

Giovedì 24 marzo a Taranto è invece in programma il concerto del Gravity tour dei Matt Bianco (Teatro Comunale Fusco, ore 21) con biglietti speciali Last Second in promozione speciale già in vendita (poltrona platea settore b – € 15 anziché € 25; galleria – € 10 anziché € 20).
Conversano (Cinema Teatro Norba, ore 21) è in programmazione “Doppia Coppia!” di Vito Di Leo, con Vito Di Leo, Mariangela Del Giudice, Francesco Cazzolla, Monica De Giuseppe: una commedia divertente, esilarante e riflessiva liberamente tratta da “Ti amo, ora cambia, sei perfetto” che riprende un intelligente e ironica analisi dei rapporti di coppia attraverso scenette e canzoni e che farà sentire il pubblico parte della scena insieme ai suoi protagonisti.
Lecce (Teatro Apollo, ore 21) il palco sarà scaldato da Danilo Reapianista di fama internazionale tra le stelle più brillanti del panorama musicale, e dall’attrice Barbara Bovoli, nei panni di Doroty Park, la moglie americana del tenore, in “Omaggio a Enrico Caruso”: uno “spettacolo evento” dedicato a Enrico Caruso nell’anno del centesimo anniversario dalla scomparsa. Il giorno successivo, venerdì 25 marzo, lo spettacolo sarà invece a Taviano (Multiplex Teatro Fasano, ore 21).
Sempre giovedì 24 marzo a Corato (Teatro Comunale, ore 21) andrà invece in scena “Una famiglia” di Claudia Lerro, che firma drammaturgia e regia, con Claudia Lerro, Vito Signorile, Giusy Frallonardo e Michela Masciavè. Uno spettacolo su quattro solitudini che si incontrano e, entrando in relazione, sciolgono pian piano i propri nodi esistenziali, diventando infine una vera e propria famiglia. Una famiglia in cui ci si “adotta” a vicenda, scegliendosi e accogliendo l’altro come un inatteso dono di Natale.
E nello stesso giorno parte il piccolo tour pugliese di Carlo Buccirosso con “La rottamazione di un italiano perbene”. Lo spettacolo sarà il 24 marzo a Martina Franca (Teatro Verdi, ore 21), il 25 marzo a Massafra (Teatro Spadaro) e il 26 marzo a Canosa di Puglia (Teatro Lembo, ore 21).

Venerdì 25 marzo il Mastropirro Ermitage Ensemble chiude la stagione musicale di Bitonto con “Fragmenta…del sud, della musica” del ruvese Vincenzo Mastropirro poemusico (Teatro Traetta, ore 21).
Ceglie Messapica (Teatro Comunale, ore 21) il 25 marzo appuntamento con “L’uomo calamita”, scritto e diretto da Giacomo Costantini per Circo El Grito che intreccia i suoi sentieri con Wu Ming Foundation in uno straordinario spettacolo di circo contemporaneo, illusionismo, musica. Lo spettacolo sarà anche a Novoli il 26 marzo.
E ancora, a Ostuni il 25 marzo (Teatro Palazzo Roma, ore 21) appuntamento con Pino Strabioli, attore e regista teatrale, conduttore ed esperto televisivo, che interpreterà “Sempre fiori, mai un fioraio!”, tratto dall’omonimo libro: un omaggio al brillante attore fiorentino Paolo Poli per raccontarne il genio che con naturalezza, irriverenza, coraggio e sfrontatezza ha attraversato il Novecento diventando punto di riferimento non solo della storia teatrale di questo Paese. Lo spettacolo sarà poi a Martina Franca (Piccolo Teatro Comunale Valerio Cappelli, ore 21) il 26 marzo.

Sabato 26 marzo a San Severo e a Putignano spazio alla danza. Mentre a San Severo (Teatro Verdi, ore 21) ci sarà la performance di teatro, musica e danza de Il Balletto del Sud in “Le quattro stagioni” con le coreografie di Fredy Franzutti che utilizza le stagioni per riflettere sulle fasi della vita dell’uomo.
Putignano, invece, (Teatro Comunale, ore 21) in scena la danza con “Nubivago” a cura di Equilibrio Dinamico Dance Company, la compagnia fondata dalla coreografa Roberta Ferrara, con quattro diverse esibizioni collegate in un’unica serata “Equal to men”, “Tutto nel segno di lei”, “Walking and Talking” e “Continuum”.
Sempre sabato 26 marzo, a Gioia del Colle ci sarà“Sarah Jane Morris in Trio”, con Sarah Jane Morris, una delle più raffinate e meno formali cantanti degli ultimi anni, in trio con i chitarristi Tony Remy e Tim Cansfield, celebrerà il concetto di libertà usando il linguaggio che le è più congeniale, quello della musica, accostando ritmi jazz, blues, rock e africani. A Melendugno (Nuovo Cinema Paradiso, ore 21) ci sarà “Quegli strani amici di famiglia” di e con Massimo Giordano, Carla Guido, Fabrizio Saccomanno. In scena un trio di attori salentini con tre temperamenti diversi ma che raccontano, in dialetto, all’unisono scorci interessanti e autentici della nostra realtà e, in fin dei conti, dell’umano in generale.
Barletta (Teatro Curci, ore 21.15 – ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria al botteghino nelle giornate di apertura) per il 26 marzo è previsto un nuovo spettacolo. Si tratta di “Centoquarantuno (ovvero l’ultimo inganno mozartiano)” uno spettacolo di narrazione musicale per voce narrante e pianoforte a quattro mani scritto e diretto da Michele De Candia con Michele De Candia e Vito Cofano offre una suggestiva finestra sulla vita di Mozart dopo la sua presunta morte. Tra narrazione, musica dal vivo, leggenda, realtà, colpi di scena e un pizzico di ironia, i due pianisti vestono i panni di due grandi musicisti.

Domenica 27 marzo sempre a Barletta (Teatro Curci, ore 18.30) è in calendario l’appuntamento con Mario Incudine in “Mimì” con la regia di Moni Ovadia. Un viaggio. Da Sud a Sud. Sulle note delle canzoni di Domenico Modugno, quelle legate alla Sicilia, a una terra che lui ha adottato perché, come gli disse Frank Sinatra: “Fingiti siciliano! La Sicilia la conoscono tutti, tutti sanno dov’è e poi il dialetto è molto simile al tuo, al pugliese. Fingiti siciliano e conquisterai il mondo!”. Uno spettacolo in cui Mario Incudine e Domenico Modugno ci raccontano un mondo che cambia, che lotta, che sogna, che sfida convenzioni e stereotipi. A Corato (Teatro Comunale, ore 19) è in programma invece Tony Marzolla con il suo “Cosmic” , regia di Antonella Carone e Tony Marzolla, in cui con uno stile leggero e irriverente che richiama la stand-up comedy, Tony Marzolla racconterà di questioni scientifiche con chiarezza e semplicità, risolvendo la complessità coSmica in comica: s’addentra nelle nuove frontiere della ricerca e delle missioni spaziali; reinventa scenari scientifici con uno stile giocoso e surreale, tra buchi neri e cunicoli spazio temporali; immagina incontri tra sonde e s’approccia al revisionismo dei Terrapiattisti, costruendo di volta in volta universi ludici dei quali è paladino.
E ancora, sempre il 27 marzo, a Ginosa (Teatro Alcanices, ore 21) “Nilde mia” con Silvia Lodi, il nuovo spettacolo della regista Paola Leone sui diritti delle donne e su quanto ancora c’è da fare per raggiungere la parità di genere. Un omaggio alla politica di Nilde Iotti, un riconoscimento alla sua pratica politica e al ruolo che le donne hanno avuto nella nostra storia del nostro paese. E infine, a San Vito dei Normanni (Teatro Tex, ore 21) è in programma il primo spettacolo della stagione teatrale 2022 del Comune di San Vito in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese ospitata sul palco del Tex, il teatro creato all’interno del laboratorio urbano Ex Fadda. Emblematico il titolo scelto: “Un’altra vita” a cura della compagnia Creatura/DanceResearch con musica in live set di Trevize.

Domenica 20 marzo sono in programma altri quattro appuntamenti di teatro per famiglie. A Putignano andrà in scena (Teatro Comunale, ore 18) è in programma “La fiera dei sogni” di Formediterre, filastrocche, storie e suggestioni visive per festeggiare il Centenario di Gianni Rodari. Un excursus in una sequenza di quadri scenici, intendono accompagnare i piccoli spettatori in un percorso educativo e divertente, celebrando così uno dei maggiori autori, di fama internazionale, per ragazzi. A Torremaggiore nella Sala del Trono (ore 18.30) ci sarà la Compagnia Avl con “La fabbrica dei sogni”, la storia di un ragazzino di nome Lucio che ha smesso di sognare e di credere nei propri sogni. Una notte si addormenta e si ritrova catapultato, come per magia, in un mondo strano, magico, abitato da esseri particolari dalle sembianze buffe. A Nardò (Teatro Comunale, ore 17.30) è in programma “Jack e il fagiolo magico” di La Luna nel Letto. Una storia emblematica che un’attrice, anche burattinaia e macchinista come Maria Pascale, restituisce al pubblico dei piccolissimi e dei suoi accompagnatori attraverso il gioco della narrazione e della messa in moto di una macchina scenica di piccole dimensioni, raffinata, intrisa di dettagli, marchingegni, giocattoli, segni, sguardi e visioni pittoriche. A Bitonto (Teatro Traetta, ore 18) è in programma “La principessa sul pisello” di Teatri di Bari con testo e regia di Lucia Zotti. La ‘principessa’ è una ragazza coraggiosa e paziente, che ha imparato a ‘vedere’ attraverso l’illusione. Il principe è un giovane smarrito nell’ombra di una madre-regina iperprotettiva e invadente. A Novoli (Teatro Comunale, ore 17.30) “Peter e Wendy” che con la sua magia condurrà gli spettatori nel tempo che sfugge al nostro richiamo e che a volte si ferma, alla ricerca delle esperienze che ci fanno diventare grandi senza volerlo e troppo presto. Regia di Tonio De Nitto per Factory Compagnia Transadriatica.

Info: www.teatropubblicopugliese.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.