Al Teatro Duse di Bari, l’ultima tappa del tour pugliese di “Inferno e Pandemia – Flirtando con il disastro“, la performing art di e con Annamaria Di Pinto

Al termine del successo del tour pugliese, arriva finalmente al Teatro Duse di Bari sabato 5 febbraio 2022 alle ore 21.00, “Inferno e Pandemia – Flirtando con il disastro“, la performing art di e con Annamaria Di Pinto, con drammaturgia musicale di Luigi La Forgia, per la produzione di I’m Teatro – Il Cielo di Carta.

Tre canti, tre elementi, tre passaggi, tre esperimenti, tre come la stessa terzina dantesca, tre come le Cantiche, tre come numero supremo simbolico e vitale. Un viaggio attraverso il suono della parola dantesca sviscerato nell’apertura del I canto, sferzato nell’attraversamento del V canto, per finire acuto nel XXVI canto: una sperimentazione vocale e sonora che porta nel turbinoso percorso infernale senza soluzione di continuità ad attraversare fisicamente la singola parola e il singolo suono, aggrappati ad immagini ed oggetti sopravvissuti all’inghiottitoio nefasto degli Inferi.

Un approccio abrasivo alla sacra materia di un testo immortale, interpretato attraverso la forza dei suoni e delle manipolazioni della voce, per aprirlo a nuovi significati. Pochi elementi in scena, la compagnia rivisita Dante in modo originale, al di fuori di ogni chiave classica.

L’Inferno è ora sulla terra, nella rilettura ambientale suggerita dal video che viene proiettato all’inizio della performance.
La performance video è patrocinata dal Ministero della Cultura e dal comitato dantesco per i 700 anni dalla morte di Dante. Anche la Compagnia teatrale possiede 3 riconoscimenti ministeriali per il suo lavoro indipendente e di ricerca nonché come spazio performativo.

Per prenotazioni tel.3479395652 WWW.ILCIELODICARTA.NET https://sites.google.com/view/ilcielodicartaeventi/home-page
*richiesti green pass e mascherina ffp2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.