La decapitazione di Mahjubin Hakimi

Aveva 18 anni. Giocava nella nazionale juniores di volley, amava andare in bici. È stata decapitata dai combattenti talebani Mahjubin Hakimi. La sua colpa? Quella di non aver smesso di allenarsi.

I suoi genitori sono stati minacciati di morte, in caso la notizia fosse trapelata da loro. Due sue compagne sono riuscite a fuggire all’estero, le altre si nascondono dalla furia talebana, o vivono costrette nelle condizioni imposte dalla Sharia, secondo l’interpretazione talebana. Una catena assurda di dolore che non si spezza, un’altra sorella vittima di una furia oscurantista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.