La brutalizzazione dei tossicodipendenti

L’Afghanistan è un paese, la cui economia ha tra i settori trainanti la coltivazione di papaveri da oppio e la presenza di efedra, componente principale della metanfetamina. Grossa parte del finanziamento della presa di potere da parte dei talebani deriva proprio dai proventi del traffico di stupefacenti o di materie prime per la loro produzione.

Laddove vi è materia prima, vi è anche massiccio uso di droghe. Solamente a Kabul, si stima che tra le 100mila e le 150mila persone facciano uso di eroina. I talebani, non senza una massiccia dose di ipocrisia, hanno dichiarato guerra al narcotraffico. Il punto è che invece che colpire i trafficanti, stanno colpendo i tossicodipendenti, privati dei loro beni e messi in centri di recupero, che hanno ben poco a che spartire con le professionalità che operano in centri degni di questo nome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.