L’esclusione delle studentesse dalle scuole secondarie: le preoccupazioni dell’UNESCO

La promessa dei talebani di garantire lavoro, istruzione e rappresentanza alle donne si è infranto, dietro la decisione, presa dagli istitutori dell’emirato islamico in Afghanistan, di garantire il rientro nelle scuole secondarie dei soli studenti maschi e dei loro insegnanti, sempre maschi. La decisione naturalmente impatta la capacità delle donne, quand’anche riuscissero ad uscire di casa, di tornare a scuola, e materialmente impedisce l’accesso delle studentesse all’istruzione, lasciandole indietro anche nella vita. La preoccupazione è stata espressa dall’UNESCO, che afferma, “Il nostro impegno per i bambini afgani è inequivocabile, e la nostra responsabilità collettiva è di assicurare che il loro diritto fondamentale all’istruzione per ciascuno di essi sia pienamente realizzato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.