Con le armi puntate a Kabul

Durante le proteste per i diritti civili, soprattutto quelli di genere, acuitesi con l’affermazione dell’Emirato islamico per mano dei combattenti talebani, abbiamo mostrato qualche giorno fa la foto di alcune donne frustate durante la Marcia delle Donne. Altri talebani hanno scalato la violenza. Hanno puntato un’arma contro una donna, disarmata, che è rimasta impassibile di fronte a tale gesto.

Quanto tempo passerà prima che si diventi impassibili anche di fronte ai massacri di donne, colpevoli solo di affermare il proprio diritto ad esistere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.