La poesia di Nadia Anjuman

Oggi commemoriamo una sorella afgana del passato. Nadia Anjuman, nel novembre 2005, ha lasciato una figlia di sei mesi. È morta all’età di 25 anni per diretta conseguenza delle botte di suo marito, prese perché aveva declamato le sue poesie in pubblico. Ha conosciuto le angherie dell’emirato Islamico prima della caduta di Al Qaeda, riuscendo in ogni caso a laurearsi e a pubblicare una raccolta di poesie, Gul-e-dodi (Fiore Rosso Scarlatto).

La ricordiamo con una sua poesia

NESSUNA VOGLIA DI PARLARE

Che cosa dovrei cantare?

Io, che sono odiata dalla vita.

Non c’è nessuna differenza tra cantare e non cantare.

Perché dovrei parlare di dolcezza?

Quando sento l’amarezza.

L’oppressore si diletta.

Ha battuto la mia bocca.

Non ho un compagno nella vita.

Per chi posso essere dolce?

Non c’è nessuna differenza tra parlare, ridere,

Morire, esistere.

Soltanto io e la mia forzata solitudine

Insieme al dispiacere e alla tristezza.

Sono nata per il nulla.

La mia bocca dovrebbe essere sigillata.

Oh, il mio cuore, lo sapete, è la sorgente.

E il tempo per celebrare.

Cosa dovrei fare con un’ala bloccata?

Che non mi permette di volare.

Sono stata silenziosa troppo a lungo.

Ma non ho dimenticato la melodia,

Perché ogni istante bisbiglio le canzoni del mio cuore

Ricordando a me stessa il giorno in cui romperò la gabbia

Per volare via da questa solitudine

E cantare come una persona malinconica.

Io non sono un debole pioppo

Scosso dal vento

Io sono una donna afgana

E la (mia) sensibilità mi porta a lamentarmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.