Zahra Ahmadi e “la morte della speranza”

Abbiamo già parlato di Zahra Ahmadi, imprenditrice fuggita dall’Afghanistan grazie all’intervento del fratello presso la Farnesina. Ahmadi parla dei contatti, sempre più difficoltosi, con le sue amiche e conoscenti che non sono riuscite a lasciare il paese, e che sono tra i 16 milioni di donne che si trovano attualmente a dover affrontare una vita praticamente impossibile.

In particolare, per le attiviste, Ahmadi dichiara che “Per le donne dell’Afghanistan impegnate nella lotta per i diritti civili la cosa peggiore adesso è la morte della speranza.In questi giorni quando riesco a parlare con alcune di loro percepisco forte il sentimento di impotenza e rassegnazione ed in qualche caso mi confessano apertamente di pensare al suicidio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.