La resistenza di Zarifa Ghafari

La sorella della porta accanto non è più o meno importante della sorella afghana, soffocata, violentata, mercificata, torturata, uccisa, lasciata nell’ignoranza. Queste sono le storie delle sorelle afghane che arrivano fino a noi, emblemi di un intero popolo, fatto di minoranze etniche, dissidenti, intellettuali, cooperanti, studiose e studiosi, lavoratrici e lavoratori. Un popolo che, se non è possibile far vivere in pace, nelle città in cui è nato e cresciuto, deve trovare un posto dove possa vivere in salute e sicurezza.

Zarifa Ghafari, 29 anni, è la sindaca di Maidanshahr, piccola città a 46 km di Kabul, nominata dal Presidente Ashraf Ghani. Il Presidente, nelle ore in cui Kabul cadeva sotto l’avanzata talebana, è fuggito in Pakistan.

Ghafari è l’afghana più giovane a ricoprire quell’incarico, tra le prime donne a ricoprire un incarico governativo. Ha dichiarato:

“I talebani verranno per le persone come me e mi uccideranno. Sono seduta qui in attesa che arrivino. Non c’è nessuno che aiuti me o la mia famiglia. Sono con mio marito, non posso lasciare la famiglia e comunque dove andrei? Sono distrutta. Non so su chi fare affidamento. Ma non mi fermerò ora, anche se verranno di nuovo a cercarmi. Non ho più paura di morire”

Vincitrice dell’International Women of Courage assegnato dal Dipartimento di Stato USA (sì, gli stessi che hanno trattato con i Talebani per la riconsegna dell’Afghanistan nelle loro mani), ha inoltre dichiarato su Twitter

«Mia cara patria, so che stai soffrendo. So che è difficile per te perché gli estranei ti bruciano e cercano la tua distruzione. Ma i tuoi veri figli che cercano di costruirti sono pieni di coraggio, cercando di tirarti fuori da questi giorni terribili»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.