Il deserto interiore dell’adolescente Isy in “Ancora Una”, il primo libro di Marta Iside Riva

Ogni persona è un’opera d’arte e in ogni cosa si può iniettare perfezione ed estetica.”
(Marta Iside Riva)

Isy è bella ma si nasconde in vestiti troppo larghi, Isy è sensibile e intelligente e per questo è bullizzata a scuola, Isy non vuole la compagnia di nessuno e sogna ogni notte l’amore di un ragazzo senza volto. Isy vuole recitare, cantare, danzare ma non riesce ad esprimere il suo amore per l’arte nell’ambiente ristretto in cui vive. Finalmente però sembra che il suo sogno si stia per realizzare: farà un provino a Roma, per una importante Accademia. Il sogno si infrange la sera prima del provino, perché Isy viene violentata dal capetto dei bulli suoi compagni di classe.

E’ l’incipit drammatico di Ancora Una, il piccolo libro con cui Marta Iside Riva si presenta al pubblico per la prima volta; una narrazione in prima persona, scarna e diretta, che trascina il lettore nel mondo di Isy, un’adolescente solitaria che racconta, con un linguaggio a volte estremamente crudo e a volte dolcissimo ed uno sguardo tra il romantico ed il disincantato, la storia del suo percorso in salita, che, partendo da un’adolescenza difficile e da un terribile episodio di violenza, oscilla fra un amore solo sognato e una quotidianità in cui ogni rapporto umano profondo è diventato impossibile, e che la porterà, pur combattuta tra i successi esteriori e il deserto di un cammino interiore doloroso e solitario in cui l’unica luce sembra essere una bambina incontrata per caso, verso una nuova consapevolezza, verso la possibilità di amare ancora. 
Ancora Una” è autoprodotto dall’autrice ed è disponibile in tutti gli store online.

Marta Iside Riva nasce nel 1981 a Cassano d’Adda e si innamora da subito della musica e dell’arte, ispirata dal nonno, organista e compositore della Schola Cantorum della piccola frazione in cui vive. All’età di 10 anni inizia a cantare nel coro della Chiesa, si iscrive alla locale compagnia teatrale e successivamente studia pianoforte. A 19 anni, parte per un’avventura di 6 mesi nelle Filippine, per cantare con l’importante coro University of the Philippines Concert Chorus e si esibisce con la Filarmonica di Manila. Negli anni successivi, si occupa di attività Umanitarie, campagne di prevenzione alla droga e a favore dei Diritti Umani. Oggi, grazie all’incontro con la community di artisti TimeTrack Factory ha ripreso la sua passione per l’arte, attraverso la sua pagina Instagram @martaisideriva. Durante l’emergenza covid nella primavera del 2020, apre la pagina @bergamostyleofficial in onore della città di Bergamo e per dare voce alle persone colpite nell’intimo. Attualmente, nella sua pagina instagram @martaisideriva, Marta sostiene il progetto “Made in Italy” promuovendo gratuitamente realtà artigianali italiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.