Il weekend a “Teatri di Bari” tra il dramma dell’immigrazione di “Sammarzano” e l’esilarante commedia di “1 e 95”

Finalista al Premio Scenario 2019, lo spettacolo “Sammarzano” di e con Adelaide Di Bitonto, Giuseppe Innocente, Ivano Picciallo, Francesco Zàccaro, per la regia dello stesso Ivano Picciallo e prodotto da Teatri di Bari, va finalmente in scena dopo lo stop forzato dovuto all’emergenza sanitaria sabato 24 ottobre (ore 21.00) e domenica 25 ottobre (ore 18.00) al Teatro Kismet di Bari, nell’ambito della annuale stagione a cura di Teresa Ludovico.
Ambientato in un paese del sud Italia, sotto il sole cocente di agosto, Sammarzano nasce da un’urgenza sociale e culturale, una riflessione circa il mondo che si muove intorno a quella che è una vera e propria città invisibile. Tra le immense campagne coltivate a pomodori dove uomini lavorano a capo chino, senza sosta, risalta la figura di Dino che, attraverso il suo sguardo, deforma i personaggi grotteschi che lo accompagnano nella storia, portando allo scoperto, le contraddizioni e la tragicità di una realtà invisibile mettendo una lente sulla più grande baraccopoli d’Italia. Diventare immigrato è il sogno di Dino. Nella sua cruda semplicità il protagonista, diviene filtro tra realtà e immaginario, vetro frapposto tra pubblico e attori in scena attraverso il quale è possibile assistere alla sua vita, al suo quotidiano, alle sue speranze, ai suoi sogni.
Spiega Ivano Picciallo:“Sammarzano offre al pubblico un punto di vista per leggere il fenomeno delle migrazioni e dell’accoglienza attraverso un’altra lente. L’attore dichiaratamente gioca a interpretare un personaggio mascherandosi. Con un particolare lavoro sulle fisicità dei personaggi e sull’uso delle maschere di commedia dell’arte, scardiniamo il codice tradizionale creando un cortocircuito mirato a decontestualizzare la maschera di commedia dalla commedia stessa. Potremmo infatti definire Dino un Arlecchino nuovo, contemporaneo. Chi ha la maschera è un immigrato, un diverso, e Dino è un diverso tra i diversi. Sammarzano ha la capacità di proporre in maniera innovativa la tradizione della maschera e della Commedia dell’Arte, rifunzionalizzandole a obiettivi che intercettano nuove necessità narrative. In questo lavoro l’alterità, la follia, la diversità si coniugano a temi di stringente attualità come l’immigrazione, in una dinamica che, dal punto di vista dei linguaggi della scena, ha saputo valorizzare con coerenza temperamento d’attore e lavoro di gruppo, indagine sociale e ricerca artistica.”
Menzione speciale da parte dell’Osservatorio Alma Mater Studiorum – Università di Bologna osservatorio critica nell’ambito di Scenario Festival 2019 e Premio Scenario 2019, “Sammarzano” rientra nel progetto “Nuove scritture” nell’ambito di Programmazione Custodiamo la Cultura DRG682/2020.

Dopo il successo di critica e i sold out registrati al Kismet di Bari, lo spettacolo “1 e 95” di e con Giuseppe Scoditti, prodotto da Teatri di Bari/Elsinor e scritto a quattro mani con Ludovico D’Agostino, già recensito su queste pagine (https://www.ciranopost.com/2020/10/14/con-la-stand-up-comedy-1-e-95-giuseppe-scoditti-dimostra-di-avere-tutti-i-numeri-per-il-successo/), andrà in scena domani, venerdì 23, e sabato 24 ottobre, sempre alle ore 21.00, al Teatro Radar di Monopoli, mentre è già sold out la replica di domenica 25 ottobre, alle ore 20.00 presso La Cittadella degli Artisti di Molfetta.

BOTTEGHINO KISMET a Bari
dal martedì al venerdì dalle ore 10.30-12.30/ 16.30 alle 19
info 080 5797667 – 335 8052211 

BOTTEGHINO TEATRO RADAR a Monopoli
dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle 19.30
info 335.756.47.88 

BOTTEGHINO CITTADELLA DEGLI ARTISTI a Molfetta
dal martedì alla domenica dalle ore 17 alle 22
info 080.338.70.82

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.