TEDxBari ai tempi del Covid19: l’edizione 2020, nella fluida staticità dello streaming, ha saputo attraversare muri, schermi e persino il tempo

Non era ipotizzabile fare qualcosa dal vivo”.
Queste le parole di Davide Giardino, presidente di TEDxBari, in un dialogo con Alessandra Montemurro, giornalista e responsabile dell’ufficio stampa dell’associazione.
Inizia così la V edizione del TEDxBari, svoltasi in streaming venerdì scorso. Per il 2020 è sembrato opportuno, a causa dell’emergenza Covid, portare l’evento nelle case degli spettatori. L’organizzazione della conferenza-spettacolo è cambiata più volte durante gli ultimi mesi e con essa anche il tema attorno al quale costruire l’intera edizione.
Alla fine si deciso di parlare delle “parentesi”, intese come segno grafico e come pausa, partendo da quel tempo sospeso che abbiamo obbligatoriamente vissuto durante il lockdown.

Questa anomala edizione del TEDxBari è durata quasi due ore e si è articolata in cinque speech tenuti da Mario De Pizzo, giornalista del Tg1, Bianca Felicori, architetto, autrice e ricercatrice, Marco Giuliani, cantante jazz, Francesco Maria Asselta, autore teatrale e televisivo, Giuliana Galati, Philosophiæ Doctor in Fisica, tutti intenti ad individuare le possibilità di ripensare lo spazio urbano in questo tempo di separazione o dei social che spesso vengono associati ai momenti di pausa, ma che in realtà si possono trasformare in spazi di espressione per professionisti e di come la loro informalità abbia diffuso l’informazione.
Dopo un inizio un po’ sottotono e poco ritmato e avvolgente, lo spettatore è stato ammaliato dalle note di “Fly me to the moon” eseguita da Marco Giuliani, che ha poi raccontato di come le sue parentesi, cioè i momenti di pausa in cui si dedicava alla musica, si siano allargate sempre di più stravolgendo la sua vita; la pausa vista, dunque, come uno spazio di libertà che può condurre anche alla realizzazione dei propri sogni, perché, citando Apollinaire, “di tanto in tanto è bene fare una pausa nella nostra ricerca della felicità ed essere semplicemente felici”.
Negli speech successivi, la parentesi è stata finanche accostata al momento che precede lo spettacolo, che coincide con l’apertura del sipario in cui dalla mente dello spettatore viene cancellato tutto il mondo esterno, sino a credere che il tempo stesso si sia fermato, come nei film di fantascienza o nei trucchi di magia.

Francesco M. Asselta

Concludendo, possiamo affermare che, per colpa o per merito della situazione pandemica, quest’anno è stato possibile vivere un TEDxBari diverso, statico, ma anche fluido, capace di attraversare muri e schermi e persino il tempo, trasformandosi in un video fruibile, anche dopo la sua fine, attraverso il canale YouTube, così da rivelarsi, infine, un evento in cui non solo si è discusso di pause, ma che può esso stesso essere messo in pausa con un semplice click.
Certo, potrebbe essere questo il futuro degli eventi: momenti reiterabili all’infinito, immortali, senza tempo, senza confini, senza spazio, ma, in tal modo, la fisicità, gli odori, il caldo, il freddo, il vento, andrebbero perduti e perciò condividiamo l’augurio di Francesco Maria Asselta: “Non posso che augurarmi che questo tempo finisca presto e che la parentesi di chiusura sia quella che mi ricordo usavamo spesso quando gli emoticon non erano ancora dei disegni, ma venivano usati ancora gli elementi della punteggiatura e il sorriso finale era la parentesi di chiusura. Io mi auguro che presto arrivi questo sorriso”.

Elisabetta Tota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.