Oggi e domani il Teatro Kismet fa festa con i più piccoli aspettando il festival “Maggio all’infanzia”

Teatro, musica, burattini e laboratori.
Una due giorni dedicata a “Aspettando il festival Maggio all’infanzia”: oggi e domani, 16 e 17 settembre 2020, negli spazi all’aperto e al chiuso del Teatro Kismet di Bari, ed in diretta su RKO con interviste a bambini, artisti e famiglie, è in programma una festa dedicata ai più piccoli, nell’ambito della proposta progettuale Custodiamo la cultura

Si comincia oggi, 16 settembre. alle ore 18.00, con lo spettacolo “La vera storia di Cappuccetto Rosso” di burattini del duo biscegliese I Fattapposta, formatosi nella Scuola per giovani Burattinai, diretta dal Maestro Paolo Comentale, mentre alle ore 18.45 partono i laboratori: “E le foglie?” con attività manuali e percorsi sensoriali per prepararsi all’imminente arrivo dell’autunno, e “A misura di bambini”, creazioni e decorazioni finalizzato a sensibilizzare i bambini alle misure anti-contagio, come mascherine da decorare, fogli bianchi e colori con cui esprimere paure, idee e desideri legati alla situazione di emergenza.
Alle ore 20.15, si alza il sipario per “Commedia all’improvviso” de I Nuovi Scalzi, con Savino Maria Italiano e Piergiorgio Maria Savarese. Un viaggio sconosciuto fra certezze ed esplorazioni che guidano il pubblico in quel mondo colorato e travolgente della Commedia dell’Arte. 

Domani, 17 settembre, ad accogliere il pubblico ci sarà, sempre alle ore 18.00, lo spettacolo di burattini “Lo scazzambrello innamorato” del duo I Fattapposta. 
Subito dopo al via il laboratorio per la costruzione del Mandala un grande cerchio disegnato a terra all’interno nel quale i bambini potranno disegnare e colorare liberando la propria fantasia e la propria creatività.
Si continua con il laboratorio “A misure di bambini” dedicato a creazioni e decorazioni per sensibilizzare i bambini alle misure anti-contagio.
Gran finale, alle ore 20.15, con lo spettacolo “Aspettando il vento” di Luigi d’Elia e Francesco Niccolini: l’avventura di crescita e mistero di tre ragazzini che si incontrano sperduti in un’immensa palude nella stagione del passaggio degli uccelli migratori. Un racconto lieve, di avventure, giochi e amori. Un’amicizia che ha il suono del vento tra le canne e del silenzio nella palude al tramonto. 

IL PROGRAMMA NEL DETTAGLIO 

16 SETTEMBRE 

ore 18.00 
I FATTAPPOSTA – LA VERA STORIA DI CAPPUCCETTO ROSSO 
Da dove deriva il nome Cappuccetto Rosso? Il Lupo è poi così veramente cattivo? 
Riuscirà il “coraggioso” cacciatore a trarre in salvo nonna e nipotina? Le risposte sono tutte in questa divertente interpretazione del famosissimo classico dei fratelli Grimm in cui i nostri amici burattini ci divertiranno con le loro esilaranti vicende valicando il confine della baracca e interagendo con il pubblico. 
Spettacolo di burattini, 3-11 ANNI 
Posti limitati max 30 persone 

ore 18.45 
E LE FOGLIE? 
Laboratorio creativo 
A settembre, fa ancora caldo, si va ancora al mare e la scuola non è iniziata, ma già nella luce del sole, nel colore del mare e nel lieve cambiare colore delle foglie, qualcosa si avverte che annuncia l’autunno. Attraverso attività manuali e percorsi sensoriali in cui si utilizzeranno foglie, rami raccolti, terra e altri elementi naturali, si porterà l’attenzione e la sensibilità dei bambini sul cambiamento imminente dalla stagione estiva a quella autunnale, cercando di recuperare quel contatto con lo scorrere naturale del tempo, troppo spesso fuorviato e deformato dalle abitudini legate all’utilizzo delle tecnologie. 
Posti disponibili max 25 

A MISURA DI BAMBINI
Laboratorio creativo 
Laboratorio di creazioni e decorazioni finalizzato a sensibilizzare i bambini alle misure anti-contagio. A disposizione dei bambini ci saranno mascherine da decorare, fogli bianchi e colori con cui esprimere paure, idee e desideri legati alla situazione di emergenza attraverso il libero disegno. Potranno anche creare cartelli e manifesti con indicazioni e regole. Tutte le opere saranno esposte in un’area dedicata che rimarrà allestita per i tre giorni. 

ore 20.15  Sala teatrale o Teatro Mobile all’aperto
INTI/ Thalassia – ASPETTANDO IL VENTO 
Uno spettacolo di Luigi d’Elia e Francesco Niccolini, Costruito e raccontato da Luigi d’Elia, Regia di Francesco Niccolini e Fabrizio Pugliese, Musiche originali di Alessandra Manti. Una coproduzione Festival Internazionale di Narrazione di Arzo, Residenza Teatrale di Mesagne TEATRI ABITATI, Festival Montagne Racconta, Montagne – Trento. Vincitore del Festival di Teatro Ragazzi Festebà Ferrara, 2013. Il libro illustrato Aspettando il vento (Becco Giallo 2014) tratto dallo spettacolo è stato finalista al Premio Andersen di Letteratura per l’Infanzia. 
Aspettando il vento è l’avventura di crescita e mistero di tre ragazzini che si incontrano sperduti in un’immensa palude nella stagione del passaggio degli uccelli migratori.Un racconto lieve, di avventure, giochi e amori. Un’amicizia che ha il suono del vento tra le canne e del silenzio nella palude al tramonto. Arturo, Caterina e Andrea sembrano disegnati sull’acqua dello stagno, hanno il cielo dentro, affrontano il mistero e insieme si conoscono e si raccontano, con la meraviglia dentro gli occhi. Finché non arriva una notte che le stelle sono allineate, il vento è cambiato e per tutti e tre sarà arrivato il momento di diventare un po’ più grandi. 
Posti disponibili max 150 persone 

17 SETTEMBRE 

ore 18.00 
I FATTAPPOSTA – Lo scazzambrello innamorato. 
Un buffo folletto con un cappello magico si invaghisce della giovane Margherita, una ragazza molto bella e dolce ma povera. Sua sorella maggiore, invidiosa del bizzarro rapporto tra i due, escogita un diabolico piano per imprigionare il malcapitato Scazzambrello, rubandone il cappello al fine di arricchirsi. Una storia divertente che affonda le sue radici nella tradizione popolare pugliese. I Fattapposta riprendono questa figura molto presente nei racconti dei nostri nonni, riproponendola al piccolo pubblico con una nuova veste.
Spettacolo di burattini, 3-11 ANNI 
Posti limitati max 30 persone 
 
ore 18.45 
MANDALA 
Laboratorio creativo 
Mandala è una parola originaria dell’India e significa cerchio. I bambini troveranno un grande cerchio disegnato a terra all’interno del quale potranno disegnare e colorare liberando la propria fantasia e la propria creatività. Dopo l’isolamento sarà importante capire per i bambini che pur nel rispetto delle distanze, è più bello comporre e creare con gli altri. 
Posti disponibili max 25 

A MISURA DI BAMBINI 
Laboratorio creativo 
Laboratorio di creazioni e decorazioni finalizzato a sensibilizzare i bambini alle misure anti-contagio. 

ore 20.15 Sala teatrale o Teatro Mobile all’aperto 
I NUOVI SCALZI 
COMMEDIA ALL’IMPROVVISO 
Con Savino Maria Italiano e Piergiorgio Maria Savarese 
D’improvviso, inatteso, improvvisato, inaspettato… sorprendente: un viaggio sconosciuto fra certezze ed esplorazioni che guidano il pubblico in quel mondo colorato e travolgente della Commedia dell’Arte. Come lenti d’ingrandimento, le maschere riescono ad ingigantire desideri, sofferenze, passioni, fantasie e istinti, di uomini e di donne, dando al pubblico la possibilità di specchiarsi, di riconoscersi e ridere delle proprie paure e delle proprie difficoltà, dei propri vizi e moralità, dei drammi e delle scelte che ogni giorno la vita pone e a cui inevitabilmente non ci si può sottrarre. 
Il gruppo “I Nuovi Scalzi” propone al pubblico diversi lazzi e improvvisazioni che ripercorrono le dinamiche tipiche che la commedia racconta, presentando ogni volta diversi canovacci all’interno di un progetto unico che prende il nome di “Commedia all’improvviso”: l’ amore dei giovani che con il proprio sentimento sono pronti a tutto e tutto travolgono; l’ amore senile dei vecchi padroni che assuefatti dal potere credono di poter possedere quello che la natura non più gli permette; l’ amore fisico ed animalesco dei servi, un’ esplosione di piacere senza contegno, “moralità”, né pudore. Il potere dei padroni, che a tutti i costi cercano di mantenere e conservare le proprie vittorie, ricchezze e titoli che siano, pur di non accettare la mutevolezza della natura. La fame atavica che attanaglia gli Zanni, i servitori, contrapposta al benestare dei padroni, e agli interessi che questi esercitano sulla vita dei giovani e dei servi stessi. 
Posti disponibili max 150 persone 

BOTTEGHINO KISMET a Bari
dal martedì al venerdì dalle ore 16.30 alle 19.30
info 080 5797667 – 335 8052211 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.