Venezuela senza pace

Tanto per cambiare argomento.
Ci sarebbe da non credere ai propri sensi leggendo e vedendo quello che il criminale governo USA sta facendo in Sud America, in particolare ai danni del Venezuela.
Ci sarebbe da non crederci, appunto, se non si trattasse del governo americano, ovvero di un governo che da sempre ha esercitato in tutto il mondo (sebbene con modalità differenti) una politica di aggressione e sopraffazione, nel dispregio più assoluto di ogni regola di diritto internazionale e delle decisioni dell’organismo che rappresenta la comunità internazionale (l’ONU).

Ebbene, mentre una pandemia che non ha precedenti nella storia dell’umanità uccide migliaia e migliaia di persone, il governo USA continua a portare avanti (ormai da molti anni) una vera e propria provocazione nei confronti del Venezuela allo scopo di destabilizzarlo e ridurlo in stato di colonia americana. Le ragioni di questa “iniziativa politica” sono antiche e conosciute: il Venezuela é un paese ricco di grandi risorse naturali, e non solo di petrolio.

Sono le modalità con cui questo piano viene portato avanti che rappresentano una novità. Si é tentata la strada dell’accerchiamento e strozzamento economico-finanziario; poi quella del colpo di stato, affdandosi però a persone inadeguate, che hanno addirittura sperperato i finanziamenti americani in festini e puttane; poi si é pensato ad una taglia di 15.000.000 di dollari sul presidente Maduro (legittimamente eletto dal popolo); da ultimo, si inviano i mercenari fascisti colombiani ed i contractors americani, ed anche questo tentativo é finito miseramente. Adesso si minaccia l’invasione dal mare.

Per fortuna, a mio modo di vedere le cose, c’é ancora al mondo chi si oppone a tutto ciò e fa sentire la propria voce e presenza. E sono gli stessi che vengono accusati, come sempre senza alcun fondamento di verità, di aver creato e diffuso il virus che sta angosciando tutto il mondo.

Quello che sta accadendo é incredibile: mentre é in corso una pandemia che, oltre a provocare una strage, sta mettendo in ginocchio le economie di tutto il mondo, questi continuano ad alzare il livello della tensione militare, approfittando della assoluta impotenza degli organismi di governo internazionale.

Amici tutti, non glielo consentiamo; dedichiamo una piccola parte dei nostri pensieri alle altre tragedie mondiali, specie a quelle le cui responsabilità sono facilmente attribuibili.

Franco Muciaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.