La presa di potere dei Talebani a Kabul, dopo trattative con le forze occidentali occupanti, culminate in un abbandono frettoloso di basi militari e ambasciate, ha lasciato parti importanti della popolazione, che aveva iniziato a credere in un presente e in un futuro di libertà, sola, sotto il dominio di una forza politica paramilitare, ben nota per le idee oscurantiste nei confronti di donne, giovani, intellettuali, studiosi, artisti e minoranze etniche. Quello di assassini di massa, di torture e di riduzioni in schiavitù è ben più di un rischio, è la realtà a cui l’Afghanistan sprofonda di nuovo, nella propria quotidianità.

Noi di Cirano Post, insieme a larghe parti della società civile, intendiamo dar voce quotidianamente a una delle nostre sorelle, le vittime più evidenti di questa barbarie, e lo facciamo come sappiamo, ossia scrivendone.

Ci auguriamo che chi può ascoltarci, e può intervenire direttamente, lo faccia con l’organizzazione di corridoi umanitari, con la predisposizione di un’accoglienza diffusa, cui anche noi siamo pronti.


Le parole di Maryam Sadaat, attivista per i diritti delle donne, che ogni giorno, protetta dal po’ di scorta che Read more
Zahra Ahmadi è un’imprenditrice 32enne nel campo della ristorazione. Atefa Ghafoory è un’avvocata e giornalista. Sono unite dall’amicizia e dalla Read more
Rada Akbar è una fotografa di 33 anni, profuga da bambina con i suoi genitori verso il Pakistan, era tornata Read more
Fariba, ventottenne attivista libertaria assieme a suo marito, all’infuriare dei talebani su Kabul si è nascosta in una cantina, in Read more
E’ tra le 250 donne giudici afgane (poco più del 10% del totale) Tayeba Parsa, per giunta di minoranza hazara, Read more
Conosciuta semplicemente come Shamsia, nata nel 1988 in Iran, Hassani è docente di scultura all’Università di Kabul. Ha portato in Read more
In controtendenza con le reti nazionali, che si sono affrettate a mettere dei conduttori uomini, seduti di fronte ad una Read more
La sorella della porta accanto non è più o meno importante della sorella afghana, soffocata, violentata, mercificata, torturata, uccisa, lasciata Read more
Masih Alinejad, giornalista, attivista e blogger iraniana di 45 anni, già perseguitata in patria per la sua lotta per la Read more