“Delle inutili premonizioni – Venti anni di misconosciuto tascabile Vol.1”: il ritorno in acustico del grande Paolo Benvegnù

Sarà disponibile da domenica, 14 febbraio 2021, sullo store digitale di Black Candy Produzioni, il nuovo progetto discografico in acustico di Paolo Benvegnù dal titolo “Delle inutili premonizioni – Venti anni di misconosciuto tascabile Vol.1”, registrato interamente dal vivo in un giorno d’inverno al GRS Recordings Studio di Firenze da Lorenzo Buzzigoli e dallo stesso Benvegnù e in seguito mixato e masterizzato al White Sound di Firenze da Lorenzo Buzzigoli e Tommaso Bianchi.

Paolo Benvegnù, intervistato su queste pagine nei mesi scorsi dal nostro Vanni La Guardia (https://www.ciranopost.com/2020/06/01/dellodio-dellinnocenza-e-il-nuovo-album-di-paolo-benvegnu-la-nostra-intervista/), è senza dubbio tra i migliori esponenti del cantautorato italiano. Dopo essersi messo in luce come chitarrista-cantante e fondatore degli Scisma, imprescindibile gruppo alternative-rock italiano ormai sciolto, con cui ha registrato, prodotto e composto tre dischi su etichetta Parlophone-EMI, inizia un suo percorso e nuove collaborazioni, che lo portano a diventare uno dei quattro cantanti del Presepe Vivente (cantante), spettacolo di e con David Riondino e Stefano Bollani. Instaurato un forte legame con la scena artistica di Firenze, Benvegnù costruisce un proprio studio di registrazione a Prato e, parallelamente alla nuova carriera solista, inizia quella di produttore artistico con tantissimi album lavorati, tra i quali Perturbazione, Terje Nordgarden e Brychan. 
Il brano “È solo un sogno” viene inserito da Irene Grandi nel suo album del 2003, e poi nel suo successivo “Best Of” in una versione live registrata con Stefano Bollani. 
Pubblica il suo primo album solista, l’ottimo “Piccoli Fragilissimi Film”, e a fine 2007 un nuovo EP, “14-19”, quindi “Le Labbra”, lavoro che esce a febbraio 2008.
A inizio 2009, Benvegnù prende parte al progetto/compilation “Il Paese è Reale” degli Afterhours, con il brano “Io e il mio Amore”, mentre in aprile esce l’ EP “500”, lanciato dal singolo “Nel Silenzio”, ed il tour che ne segue porta Paolo al Primo Maggio a Roma, sul main stage di Italia Wave per concludersi a dicembre 2009 al Circolo degli Artisti di Roma, con Dissolution, il memorabile concerto divenuto nel giugno 2010 un disco dal vivo omonimo che ha dato luogo a un fortunato tour nazionale di oltre venti date nelle principali città italiane. 
Nel maggio 2010 Mina esce con il suo nuovo cd “Caramella” nel quale reinterpreta un brano di Benvegnù “Io e te”.
Nel 2012 Paolo collabora con Marina Rei come coautore e cantante nel brano “I fiori infranti “, contenuto nel disco della cantante romana, e partecipa alla compilation Tributo a Ivan Graziani con la canzone “Olanda”. 
Nell’ottobre 2014 esce “Earth Hotel” e nel 2015 firma, con Michele Pazzaglia, la sigla del programma “Decanter” di Radio2. Sempre nel 2015, a seguito della reunion degli Scisma, pubblica l’EP di inediti “Mr. Newman”, a cui segue un tour di quattro date, tutte sold out
Il 3 marzo 2017 esce il suo nuovo disco, “H3+”, seguito da un lungo tour. 
Il 2018 lo ha visto nuovamente al fianco di Marina Rei, nel tour di “Canzoni contro la disattenzione”, e poi di Nicholas Ciuferri nella genesi del progetto “I Racconti delle Nebbie”, nato come serie di reading-concerti. 
E’ del 2019 l’album “Dell’odio dell’innocenza”, l’ultimo lavoro prima del nuovo progetto discografico full lenght che sarà pubblicato in questi giorni; “Delle inutili premonizioni – Venti anni di misconosciuto tascabile Vol.1” conterrà dodici tracce in acustico, intrise di riflessioni e ricordi agrodolci dell’autore: “In Dissolvenza”, “Io Ho Visto”, “Il Nemico”, “Il Sentimento Delle Cose”, “Andromeda Maria”, “Nelle Stelle”, “Nello Spazio Profondo”, “Cerchi Nell’acqua”, “Avanzate Ascoltate”, “La Schiena”, “Olovisione In Parte Terza”, “Sempiterni Sguardi E Primati”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.