E’ “Penso ancora a te” il nuovo estratto dall’album “Sette” Di Gianni Costanzo

Dopo il successo ottenuto durante il primo lockdown con la canzone “Terra mia”, tra le più ascoltate della playlist “new generation” di Spotify, il cantautore cosentino Gianni Costanzo. presenta un nuovo estratto da “Sette“, suo primo disco, dal titolo “Penso ancora a te”, per cui si avvale ancora una volta della collaborazione del compositore, arrangiatore e chitarrista Alessandro Guido, del contrabbassista Antonio De Luise, del pianista Giovanni Brunetti, del batterista Fabio Lizzani e del trombettista Rocco Riccelli.

Cantautore, con alle spalle studi di canto, tecnica vocale e musica d’insieme come lo stage della Maestra Anna Lisa Kirby, Costanzo ha fondato il “Be Jazz Trio”, con Danilo Blaiotta al pianoforte e Andrea Infusino al contrabbasso, .ed ha collaborato, tra gli altri, con la Maestra Rosa Martirano ed il Maestro Antonio De Luise. Dopo aver pubblicato “Acquarello”, cover del celebre brano di Toquinho, si è dedicato alla realizzazione del suo primo album “Sette” che ha avuto come primo singolo il brano “Terra mia”.
La scienza e la musica sono da sempre le sue più grandi passioni; la laurea specialistica in chimica farmaceutica, l’esperienza nella ricerca in genetica molecolare, quella nell’industria farmaceutica si sono da sempre accompagnate all’ascolto ed allo studio della musica e del canto, segnato, quest’ultimo, dall’incontro con la Maestra Velia.

Penso ancora a te” – ha dichiarato il cantautore – “a tratti può sembrare nostalgico, ma è soprattutto un omaggio ai sentimenti puri, veri, di quelli in grado di far superare anche i propri limiti e di cambiare in un istante il corso della vita”.

Facebook: https://www.facebook.com/7giannicostanzo7/
Web: http://www.giannicostanzo.it/
Instagram: https://www.instagram.com/7giannicostanzo7/
Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=dpQVjCg9420

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.